10.03.2017

Campi elettromagnetici e Valutazione dei Rischi

Rimini il 10/03/2017
 

Gentile Cliente,
con la presente si ricorda che il 1° luglio 2016 è entrata in vigore la nuova DIRETTIVA 2013/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 giugno 2013.

Tale documento stabilisce prescrizioni minime di protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza che derivano, o possono derivare, dall’esposizione ai campi elettromagnetici in ambiente di lavoro compresi tutti gli effetti biofisici diretti e gli effetti indiretti noti, provocati dai campi stessi.

Scopo della Direttiva, oltre ad assicurare la salute e la sicurezza di ciascun lavoratore considerato individualmente, è quello di uniformare la legislazione degli Stati membri in merito ai parametri e ai limiti che costituiscono il riferimento per garantire il livello di protezione minimo degli esposti a campi elettromagnetici sul lavoro.

Cos’è cambiato:
Sono stati modificati i valori limite di esposizione e i valori d’azione secondo i dettami dell’I.C.N.I.R.P., acronimo di International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (in italiano Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti). Considerato, inoltre, che l’obiettivo è quello di tutelare i lavoratori dagli effetti nocivi a breve termine dovuti ad una sovraesposizione ai campi elettromagnetici, i parametri di riferimento per la valutazione dovranno essere acquisiti strumentalmente come “valori di picco”, ossia come valori istantanei massimi del campo elettromagnetico; perde, pertanto, di significato la valutazione basata sulla media temporale del campo stesso.

Sorgenti da valutare:
Fra le principali sorgenti di campi elettromagnetici per cui è prevista una valutazione specifica ricordiamo: attività di saldatura, forni fusori, riscaldamento a induzione, magnetizzatori/smagnetizzatori industriali, etc.
In proposito si fa presente che le “Indicazioni operative” relative al Titolo VIII del D.Lgs 81/08 forniscono una suddivisione indicativa (non esaustiva) fra le attrezzature e situazioni cosiddette “giustificabili”, ossia i casi in cui non è necessario procedere con una valutazione approfondita tramite misurazione strumentale, e quelle “non giustificabili” che meritano un approfondimento valutativo tramite misurazione strumentale. Le tabelle riportate all’interno delle “Indicazioni operative” vengono allegate alla presente.

Si fa presente che PAGEAMBIENTE S.r.l. dispone delle nuove sonde con le caratteristiche richieste dalla direttiva 2013/35/UE e ricordiamo che PAGEAMBIENTE S.r.l. fornisce una consulenza completa in materia di sicurezza sul lavoro.
I nostri tecnici sono a Vostra disposizione per qualsiasi chiarimento sull’argomento in oggetto.
 
Per visualizzare le tabelle relative alle attrezzature che sono soggette alla valutazione, cliccare su seguente link: allegato tabelle sorgenti
Per visualizzare l'articolo di PAGEAMBIENTE S.r.l. pubblicato sul sito WWW.NEWSRIMINI.IT cliccare sul seguente link: www.newsrimini.it

Per qualsiasi richiesta di informazione o chiarimento potete scrivere e inviare il modulo di richiesta informazione all'indirizzo mail commerciale@pageambiente.it oppure telefonare allo 0541/791050.


Cordiali saluti

Pageambiente S.r.l.

Tabella_sorgenti_campi_elettromagnetici_tratti_da_Linee_Guida(1).pdf
Guarda tutte le notizie